stili degli animali

Le arti marziali più interessanti, nate nei diversi cantoni dell’Asia, si rifanno all’osservazione degli animali. 

Gli animali non fanno scuola d’arti marziali perchè ereditano, con il bagaglio genetico, il loro comportamento e le loro abilità di sopravvivenza. Da cuccioli, attraverso il gioco, riescono a richiamare quelle funzioni di velocità, resistenza, agilità, forza che saranno presto indispensabili per sopravvivere. 

Ovviamente si tratta di una generalizzazione in quanto, anche se in piccola parte, pure gli animali imparano osservando il genitore o gli altri simili cacciare, correre, saltare ma più che un apprendimento di nuovi comportamenti si tratta di sviluppare ciò che è in embrione nel bagaglio della loro specie. 

Per l’uomo, come sappiamo, è diverso: gran parte del suo comportamento lo deve apprendere, sono poche e indispensabili le funzioni che sono ereditate alla nascita. La capacità di apprendere, tipicamente umana, lo ha portato ad imitare e adattare tutto ciò che altre specie facevano per sopravvivere, arrivando così ad elaborare stili di combattimento improntati aull’osservazione, soprattutto dei grandi predatori. 

Famosi sono gli stili animali sviluppatisi all’interno del monastero della giovane foresta in Cina (Shaolin): meno conosciuti ma non meno interessanti sono gli stili animali, che arricchiscono l’ampio e variegato repertorio del Silat Indonesiano e Malese.

Di seguito (nel menù a tendina) sono descritte una per una le arti praticate e insegnate dal Maestro Maltese:

 Harimau  lo stile della tigre

Kucing lo stile del gatto

Kerbau lo stile del bufalo

Ular lo stile del serpente

Buaya lo stile del coccodrillo

Elang lo stile dell’aquila

Moniet lo stile della scimmia

Torpedo lo stile della torpedine

Sterlak pur non essendo espressamente uno stile d’animale lo inseriamo in questo ambito poichè si richiama alle movenze dell’elefante.

 

© 2014 Tutti i diritti riservati.

Crea un sito internet gratisWebnode